Vai a sottomenu e altri contenuti

Ufficio Tributi e Patrimonio

Informazioni

Responsabile: Dr.ssa Pipere Donatella - Referenti: Dr.ssa Morittu Luisella, Deledda Elena

Indirizzo: Via Roma, 125

Telefono: 0784870833-0784870835

Fax: 0784 878 515

Email: segreteria.siniscola@gmail.com

PEC: tributi@pec.comune.siniscola.nu.it

Orario: Lunedì, mercoledì e venerdì: ore 9.00 - 11.00. Martedì pomeriggio: ore 16.00 - 18.00.

Che cos'è e chi deve pagarla

La tassa smaltimento rifiuti solidi urbani TARSU è dovuta da coloro che occupano o detengono, a qualsiasi titolo, locali o aree scoperte, a qualunque uso adibiti, ad esclusione delle aree scoperte pertinenziali o accessorie di civile abitazione.

In particolare sono soggetti alla tassa:

  • i locali ovvero i vani principali od accessori (anticamere, ripostigli, retrobotteghe, magazzini, lavanderie);
  • le dipendenze, anche se staccate, dal corpo principale del fabbricato (rimesse, autorimesse, ecc.);
  • le pertinenze (cantine, scale, anditi);
  • • le aree scoperte operative (campeggi, sale da ballo all´aperto, aree attrezzate).

Per gli alloggi affittati in modo saltuario od occasionale, la tassa è dovuta dal proprietario o in caso di subaffitto dal primo affittuario.

Quali dati devono contenere la denuncia e la riduzione della tassa

La denuncia della tassa di smaltimento dei rifiuti solidi urbani e l'eventuale richiesta di riduzione della tassa devono contenere i seguenti dati:

  • i dati identificativi dell'occupante o detentore dei locali o di persona che dimostri di averne titolo. Ad esempio: diretto interessato, uno dei coobbligati ossia coloro che fanno parte dello stesso stato di famiglia, anche se non hanno legami di parentela;
  • la riduzione cui si ritiene di avere diritto;
  • data e firma del dichiarante.

Termini e modalità di presentazione della denuncia

Occorre presentare apposita denuncia all'ufficio Tributi, entro il 20 gennaio successivo all'occupazione o detenzione, sia nel caso di cambio di residenza (quando si proviene da altro Comune) che nel caso di cambio di domicilio, entro lo stesso termine devono essere denunciate le cessazioni dell'utenza iscritta a ruolo, le modifiche apportate ai locali ed alle aree servite e le variazioni dell'uso dei locali e delle aree, nonché il venir meno delle condizioni per l'applicazione della tariffa ridotta.

La mancata presentazione della denuncia di inizio, cessazione o variazione dei locali da assoggettare alla tassa in oggetto, comporta l'addebito di specifiche sanzioni.

Quanto sopra esposto si applica a qualsiasi tipo di locale che si trovi in territorio comunale, a qualsiasi uso sia esso destinato.

Per cancellarsi dal ruolo TARSU non è sufficiente cambiare residenza, ma è necessario dimostrare che non si occupa più l'immobile. Ciò viene dimostrato con la disdetta dell'utenza idrica ed elettrica che fa cessare la prosecuzione della tassazione e dà luogo al discarico della somma iscritta a ruolo. La tassazione cessa dal primo giorno del bimestre solare successivo alla data della denuncia di cessazione, da presentare su apposito modulo presso l'ufficio TARSU.

Dove si paga

  • presso gli sportelli del Concessionario munito di Codice Fiscale;
  • in banca utilizzando solamente i bollettini contrassegnati dalla sigla RAV;
  • presso gli uffici postali munito dell'avviso o della cartella di pagamento, utilizzando i bollettini allegati, anche se riportanti la sigla RAV, corrispondenti al totale dell'Avviso o della Cartella, o alle relative singole rate da pagare; oppure, solo per gli avvisi, utilizzando un normale bollettino di conto corrente postale, su cui indicare:
    - il conto corrente postale intestato al Concessionario;
    - il numero dell'Avviso di pagamento;
    - il Codice Fiscale dell'intestatario dell'Avviso.
  • Solo per le cartelle se il contribuente ritiene di non dover pagare, in tutto o in parte, alcune delle somme riportate nel Dettaglio degli addebiti, seguire le Istruzioni per il pagamento indicate all'interno della Cartella che possono essere differenti a seconda del Concessionario.

Riduzioni

Per ottenere le riduzioni, gli interessati devono presentare richiesta entro il termine previsto per le denunce, ossia entro il 20 gennaio.

Alcuni esempi di riduzione previsti dal nostro Regolamento Comunale sono:

  • abitazioni con unico occupante (riduzione del 30%);
  • insediamenti posti nelle zone collinari e montane del territorio (riduzione del 30%);
  • insediamenti in relazione alla distanza del più vicino cassonetto: oltre i 500 mt. (riduzione del 20%), oltre i 1000 mt. (riduzione del 60%);
  • attività stagionali risultanti da licenze od autorizzazioni (riduzione del 30%);
  • agricoltori che occupano la parte abitativa della costruzione rurale (riduzione del 30%);
  • abitazioni tenute a disposizione dai soggetti che abbiano la dimora all'estero per un periodo superiore a sei mesi (riduzione del 30%).

Esenzioni (dipende dal Regolamento Comunale)

Sono esenti dalla tassa smaltimento rifiuti solidi urbani, le abitazioni di coloro che hanno il reddito mensile dell'intero nucleo familiare del contribuente non superiore all'importo corrispondente alla pensione minima INPS, compresa maggiorazione che per l'anno 2006 è di € 551,35.

A tal fine gli interessati devono presentare richiesta presso l'ufficio TARSU, entro il 20 gennaio allegando la seguente documentazione:

  • fotocopia della cartella esattoriale;
  • fotocopia del mod. 730 - Unico - CUD o altra certificazione reddituale posseduta;
  • eventuale certificato di iscrizione alle liste di collocamento.

Il Ricorso

Contro gli avvisi di accertamento e contro la cartella di pagamento può essere proposto ricorso avverso il Comune, Servizio Tributi, Ufficio TARSU, entro 60 giorni dalla data di notificazione dell'atto.
Entro i 30 gg successivi alla presentazione, a pena di inammissibilità, l'originale del ricorso notificato, o la copia con allegata la ricevuta del deposito o della spedizione per raccomandata, dovrà essere depositato c/o la segreteria della Commissione Tributaria Provinciale.

Riferimenti Normativi

  • Articolo 66 del Decreto Legislativo numero 507 del 15 novembre 1993, 'Revisione ed armonizzazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni, della tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche dei Comuni e delle Province nonché della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani a norma dell'articolo 4 della Legge 23 ottobre 1992, numero 421, concernente il riordino della finanza territoriale (articoli 58-81)'.
  • Regolamento comunale per l'applicazione della Tassa per lo Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani Interni approvato con delibera del Consiglio Comunale n. xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto